Notizie

Notizia

Stay Export, un percorso di sostegno alle imprese esportatrici

Nell'ambito del Progetto SEI, Sostegno all'Export, la Camera di Commercio della Basilicata partecipa al progetto Stay Export, nato dalla collaborazione tra Unioncamere e Assocamerestero con il coinvolgimento della rete di Camere di Commercio Italiane all'estero. Stay Export è un percorso di sostegno alle imprese esportatrici per aiutarle a fronteggiare le difficoltà sui mercati internazionali, rilevate in questa fase emergenziale e a rafforzare la loro presenza all'estero.

Il programma si articola in tre differenti fasi che vanno da un primo livello più informativo/formativo fino ad arrivare ad azioni di orientamento e assistenza personalizzata riservate ad un numero ristretto di imprese (10 al massimo), selezionate da alcune Camere di Commercio Italiane all’Estero, selezionate tra quelle che avranno partecipato ai webinar da loro organizzati

Per tutti i dettagli e le informazioni su come aderire clicca qui

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Effetto Covid sul mercato del lavoro lucano: i dati Excelsior di ottobre

L’effetto Covid si fa sentire sul mercato del lavoro lucano: ad ottobre 2020 appena 12 imprese su 100 pensano di assumere, facendo segnare un  -18,2% rispetto allo stesso mese del 2019, con una contrazione del 20,2% nei servizi e del 14,3% nell’industria. E’ quanto rileva il Report dal Sistema Informativo Excelsior, che grazie ad Anpal e sistema delle Camere di commercio fornisce indicazioni tempestive a supporto delle politiche attive del lavoro, realizzando indagini mensili sulle imprese somministrando un questionario incentrato sui profili professionali e i livelli di istruzione richiesti dalle imprese.

In Basilicata, in base al Bollettino Excelsior, nel mese di ottobre 2020 entreranno sul mercato del lavoro 2.070 lavoratori, per l’82% dipendenti. Nel 29% dei casi le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel 71% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita) e si concentreranno per il 65% nel settore dei servizi e per il 72% nelle imprese con meno di 50 dipendenti.

Il 12% delle nuove entrate sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici, una quota dimezzata rispetto alla media nazionale (23%). In 27 casi su 100, inoltre, le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati, soprattutto per quanto riguarda i conduttori di mezzi di trasporto (la metà delle aziende rivela di avere difficoltà a reperirne), cuochi, camerieri e operai nelle attività metalmeccaniche. Rispetto ai profili in ingresso per titolo di studio, il 41% ha un diploma di scuola superiore e il 10% la laurea.

 

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Il 30 ottobre a Matera incontro su "Banda ultralarga, attiviamo il futuro"

"Banda ultralarga, attiviamo il futuro": parte il 30 ottobre da Matera il nuovo ciclo di 5 incontri territoriali online del progetto

#Ultranet, iniziativa di #Unioncamere finanziata dal Ministero dello Sviluppo Economico per la diffusione della potenzialità

della banda ultralarga e il rafforzamento della capacità amministrativa in ambito locale, coerente con la Strategia italiana lanciata dal Governo

e con le Linee guida per il piano di comunicazione nazionale per la banda ultralarga.

Si tratta di cinque nuovi appuntamenti online che avranno l’obiettivo di sensibilizzare e informare imprese, operatori economici, cittadini  sulle opportunità offerte dalla banda ultralarga quale strumento abilitatore alla nascita e alla adozione di servizi innovativi.

L’evento di Matera, in programma il 30 ottobre alle 10.00, sarà trasmesso online tramite ZOOM previa registrazione al link https://bit.ly/377GLi2

Per ulteriori informazioni:

Asset Basilicata Camera di Commercio della Basilicata

asset@basilicata.camcom.it

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Bando per l’assegnazione di riconoscimenti in favore delle imprese del territorio, riaperte le scadenze fino al 16 novembre

Con deliberazione del 6 ottobre, la Giunta ha deciso di riaprire i termini del Bando

fissando la nuova scadenza al 16 novembre.

Le categorie a cui ci si può candidare sono:

Premio FEDELTA' AL LAVORO

Premio PROGRESSO ECONOMICO

Premio IMPRESA STORICA LONGEVA

 Assegnazione Speciale:

1) COVID 19

2) INTERNAZIONALIZZAZIONE

3) INNOVAZIONE DIGITALE (Impresa 4.0)

4) IMPRENDITORIA FEMMINILE

5) IMPRENDITORIA GIOVANILE

Tutte le info e la modulistica sono qui

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

La Banca d'Italia rende disponibili agli imprenditori i dati della Centrale Rischi

La banca d’Italia, con il comunicato del 2 ottobre 2020, ha reso noto l’istituzione di un nuovo servizio online che permette alle società iscritte al Registro Imprese delle Cciaa  di ricevere mensilmente i dati della Centrale dei Rischi, un archivio di informazioni sui debiti di famiglie e imprese nei confronti del sistema bancario e finanziario.

L’abbonamento è gratuito e ha la durata di un anno, è rinnovabile alla scadenza e può essere revocato in ogni momento. Il servizio può essere sottoscritto esclusivamente dal legale rappresentante munito di SPID o CNS, che riceverà mensilmente i dati al proprio indirizzo PEC. Per avviare l’abbonamento il legale rappresentante deve richiedere i dati della società riferiti all’ultima data disponibile.

La Centrale Rischi è alimentata dalle informazioni che gli intermediari partecipanti (banche, società finanziarie e altri intermediari) trasmettono relativamente ai crediti e alle garanzie concessi alla propria clientela, alle garanzie ricevute dai propri clienti e ai finanziamenti o garanzie acquistati da altri intermediari. Gli intermediari classificano un cliente come debitore in sofferenza e lo segnalano come tale in CR quando ritengono che abbia gravi difficoltà a restituire il proprio debito. Al contempo, la Banca d’Italia comunica agli intermediari partecipanti l’indebitamento complessivo dei propri clienti, il tipo di finanziamento che hanno ricevuto e la regolarità o meno dei loro pagamenti.

 

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Alla startup lucana Tboxchain uno dei Premi nazionali Top of the PID

Dooway, il progetto della startup innovativa lucana Tboxchain nato per rilanciare il turismo ed il commercio di prossimità, si è aggiudicato uno dei 4 Premi Top of the PID 2020 che verranno assegnati nell’IGF, l’Internet Governance Forum, in programma a Roma dal 7 al 9 ottobre. Al riconoscimento, assegnato dalle Camere di Commercio italiane ai migliori progetti di innovazione che usufruiscono dei servizi dei Punti Impresa Digitale e che possano aiutare le imprese nella ripartenza economica, hanno partecipato quest’anno 116 aziende da tutta Italia.

Uno dei Premi va dunque a “Dooway”, la soluzione tecnologica già sviluppata e brevettata da Tboxchain, che punta a ricreare un rapporto di fiducia tra i consumatori e le attività imprenditoriali del settore turismo, cultura, commercio e artigianato, grazie all’eliminazione delle false recensioni e alla promozione e diffusione di informazioni qualitativamente migliori, più rilevanti ed affidabili, che permettano alle persone di scegliere in sicurezza cosa fare e dove acquistare prodotti e servizi.

«Siamo particolarmente orgogliosi che il progetto di una startup innovativa, nata con la procedura online della nostra Camera e già in evidenza sul piano nazionale ed internazionale, si sia imposto vincendo questo Premio – commenta il Presidente della Cciaa della Basilicata, Michele Somma -. Il turismo e gli altri comparti torneranno a fiorire, nella cosiddetta “nuova normalità”, solo se sapranno rispondere ai nuovi paradigmi (culturali, tecnologici e della sostenibilità) che questo periodo sta favorendo. E Dooway, di Tboxchain, risponde in pieno a questi requisiti».

Dooway

La garanzia che non ci siano più false recensioni e che le informazioni condivise corrispondano solo ad esperienze e a persone reali, in Dooway è data dalla prova presenza e dalla prova identità, che si ottengono grazie ad un sistema tecnologico sofisticato nella progettazione ma estremamente semplice da utilizzare. L’attrattore turistico, il bene culturale o l’attività commerciale, recensiti in modo “certificato”, guadagnano in reputazione e trasparenza, e al contempo il consumatore ha la possibilità di verificare l’attendibilità delle informazioni condivise e contribuirne al miglioramento, ricevendo ad ogni registrazione o recensione dei punti fedeltà, utilizzabili in sconti e promozioni all’interno della piattaforma. La tecnologia blockchain, inoltre, permette di conservare in maniera sicura le informazioni in merito a reputazione e transazioni avvenute all’interno della piattaforma rendendole immodificabili ed implementare smart contracts, contratti digitali che si autoeseguono al verificarsi di determinate condizioni (es. guadagno per punti fedeltà alla pubblicazione della recensione).

Il fattore sicurezza

Aderendo a Dooway, inoltre, si potranno gestire in maniera semplice e trasparente alcune delle misure atte a prevenire la diffusione del virus ed in particolare l’elenco presenze, raccogliendo in maniera semplice e certa le informazioni dei clienti (si agevola l’attività degli esercenti, si favorisce la ricostruzione di un’eventuale linea di contagio e si evitano le situazioni in cui i clienti rilasciano false generalità) e la gestione delle prenotazioni: con Dooway il sistema di prenotazioni viene fornito in maniera gratuita a tutti gli utenti business, garantendo un servizio anche a chi si è trovato con l’esigenza di gestire i flussi dei clienti solo dopo l’esplosione della pandemia (ad esempio i negozi di abbigliamento).

Le partnership

La piattaforma Dooway, già disponibile con app scaricabile per dispositivi iOS ed Android, è stata già scaricata da oltre 1.000 persone e sono stati sottoscritti protocolli di intesa e partnership con Cluster Turistico delle Isole Baleari, Associazione Italiana Turismo Responsabile, Best Western Italia, Associazione Albergatori Riviera delle Palme, Federazione Italiana Cuochi, Polo Museale dell’Umbria, Galleria Nazionale dell’Umbria, Polo Museale della Basilicata, Via delle Meraviglie.

La cerimonia di premiazione avverrà il 9 ottobre, a Roma, nella sede di Unioncamere, nell’ambito dell’evento Internet Governance Forum (IGF) Italia 2020, alla presenza del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, e del Vice Seegretario Generale di Unioncamere, Andrea Sammarco.

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Occhio alle truffe: bollettini falsi inviati in questi giorni agli utenti

Si informa che risultano pervenuti bollettini via posta ordinaria o Pec che in maniera fraudolenta

si riferiscono alla Cciaa della Basilicata e richiedono dei pagamenti. 

Si invita a prestare la massima attenzione in quanto si tratta di comunicazioni ingannevoli.

 

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Dispositivi di firma digitale: dall'8 ottobre novità per chi intende richiederli agli sportelli

Si comunica che partire da giovedì 8 ottobre p.v. i dispositivi di firma digitale ( smart card e token wireless) rilasciati agli sportelli camerali ( sede di Potenza -via dell'Edilizia snc e sede di Matera - via Lucana, 82) saranno quelli della nuova Certification Autority InfoCamere, di cui  la Camera di Commercio della Basilicata è Registration Autority.

Per disposizioni del suddetto Ente Certificatore, il rilascio del dispositivo potrà avvenire  esclusivamente ove il titolare richiedente sia munito di 

- telefono cellulare personale ed indirizzo email consultabile dallo smartphone stesso

- documento di identità

- codice fiscale

Questa modalità di rilascio è dovuta ai sistemi di sicurezza che i QTSP (Fornitori di Servizi Fiduciari Qualificati) sono tenuti a mettere in atto per risultare aderenti alle normative europee EIDAS ed ai regolamenti AGID.

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Cciaa e azienda speciale Asset partner di un progetto contro la povertà educativa

Ci sono anche la Camera di Commercio della Basilicata e la sua azienda speciale Asset nella partnership dello Spazio di Ascolto per Famiglie - SPAF, uno sportello virtuale di sostegno alla genitorialità, alla crescita e all’educazione dei figli, nato nell’ambito di Or.Co., Orientamento Consapevole e Sistemico al tempo digitale, un progetto di durata quadriennale in Puglia e Basilicata, selezionato e finanziato da “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Lo spazio di ascolto, che punta a contrastare la povertà educativa di molti bambini e bambine e la dispersione scolastica (due fattori stimati in crescita per i prossimi anni), rappresenta uno spazio di accoglienza per genitori e famiglie, che si possono confrontare online e in maniera riservata con consulenti sul benessere dei figli, sulla relazione con i figli (dalla prima infanzia all’adolescenza), sulla scelta scolastica e sulla motivazione allo studio. Si tratta di un servizio di pubblica utilità che interroga il mondo delle politiche e delle risposte educative, sociali e sociosanitarie e apre un dibattito strategico a livello nazionale su come coniugare accessibilità, nuove tecnologie, risposte efficaci.

Chiunque si affacci allo sportello può usufruire dei suoi servizi online e gratuitamente. Una pagina Facebook propone diverse modalità di informazione e sostegno psicologico. Il primo contatto, una volta sulla pagina, avviene tramite chat su Messenger, su cui rispondono le psicologhe. Esiste poi un vero e proprio “sportello virtuale” aperto a orari che permette di prenotare e avere video-colloqui personali riservati con le stesse psicologhe (via Skype): martedì ore 15-17, mercoledì ore 10-12 e 15-17, venerdì ore 14-16, sabato ore 16-18. Nella pagina vengono inoltre pubblicati regolarmente informazioni, suggerimenti e consigli su tutto ciò che ruota intorno al tema della genitorialità. Un ulteriore modo per contattare lo sportello è scrivere a: spazioascoltofamiglia@orcodigitsys.it. In ogni caso sarà garantita la massima riservatezza.

Soggetto attuatore di SPAF e del progetto Or.Co. digitsys è NOVA Onlus, consorzio nazionale di cooperative sociali, con oltre 30 partner e la rete StartNet Network per la transizione scuola-lavoro.

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

“Web marketing per l’export”, webinar gratuito in programma il 1 ottobre

Sono aperte le iscrizioni a “Web marketing per l’export”, webinar gratuito in programma il 1 ottobre dalle 9.30 alle 13.30, organizzato dalla Camera di Commercio della Basilicata in collaborazione con Promos Italia e Asset Basilicata nell’ambito del Progetto SEI - Sostegno all’export per l’Italia, giunto alla seconda edizione.

La giornata formativa è rivolta alle imprese che abitualmente o occasionalmente esportano, e sarà condotta da Michele Lenoci, docente NIBI - Nuovo Istituto di Business Internazionale di Promos Italia, che approfondirà vari temi del web marketing legati all'export, tra cui la corretta impostazione del sito web, l’E-commerce e i Social Network, l’Email Marketing, la comunicazione online per l'export, come trovare e gestire i contatti esteri tramite i canali online, i Marketplace B2B.

«Le statistiche negli ultimi anni evidenziano che sui mercati esteri vincono le PMI che adottano un modello di business funzionale alla competitività e all’innovazione dei mercati di riferimento – commenta il presidente della Cciaa della Basilicata, Michele Somma -. Ecco perché è importante iscriversi al webinar del primo ottobre, che analizza gli strumenti operativi necessari per strutturare le corrette azioni di marketing. I mercati esteri debbono essere approcciati con la mentalità giusta e la conoscenza di tutti gli strumenti a disposizione degli imprenditori».

Per partecipare è necessario iscriversi ai link presenti in home page su www.basilicata.camcom.it e assetbasilicata.it, o ancora all’interno degli eventi delle rispettive pagine Facebook. Il termine delle iscrizioni è fissato al 30 settembre 2020. Per ulteriori informazioni si può scrivere a pid@basilicata.camcom.it

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Mirabilia Top of the Pid: un Premio per le imprese del turismo più innovative

Il premio Mirabilia Top of the PID 2020 si rivolge al miglior prodotto, applicativo o soluzione tecnologica sviluppato per rimuovere ostacoli o risolvere problemi derivanti dalla crisi pandemica, favorire le destinazioni meno conosciute e frequentate e favorire la ripartenza dell’economia del turismo. L’iniziativa è un progetto di collaborazione tra l’Associazione Mirabilia Network (che unisce 18 Camere di Commercio che hanno sul proprio territorio almeno un sito UNESCO) e i Pid (Punto Impresa Digitale), primo presidio di informazione e orientamento camerale per le imprese sul fronte della trasformazione digitale.

Le prime 10 imprese nominate parteciperanno alla Borsa del Turismo Culturale di Caserta il 16 e 17 novembre 2020. Il progetto vincitore riceverà un assegno di €3.000, il secondo un soggiorno di una settimana per 2 persone in uno dei territori Mirabilia, mentre il terzo potrà usufruire di un soggiorno di un weekend per 2 persone sempre in uno dei territori Mirabilia.

I prodotti, applicativi e soluzioni dovranno comportare il ricorso ad una o più delle tecnologie abilitanti del Piano Impresa 4.0. e contribuire in maniera significativa a migliorare l’operatività di uno o più soggetti o intermediari operanti nella filiera turistica (attività ricettive, attrazioni, imprese balneari, organizzatori di eventi, gestori di linee di trasporto, attività di somministrazione, infopoint, tour operator, agenzie di viaggio, OLTA).

Le candidature, da inviare entro il 30 settembre sul portale nazionale Pid, potranno essere inviate da imprese provenienti dai 18 territori della rete #PID4Mirabilia, tra cui la Basilicata.

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Il domicilio digitale per le imprese

Il domicilio digitale diventa prerequisito per l’iscrizione al Registro delle imprese delle Camere di commercio ed entro il primo ottobre tutte le imprese già iscritte al Registro, che non hanno ancora comunicato il proprio domicilio digitale, dovranno regolarizzare la propria posizione con la relativa comunicazione al Registro delle Imprese competente per territorio.

Coloro che non adempiono all’aggiornamento, oltre al pagamento di una sanzione amministrativa, si vedranno assegnare d’ufficio dalla Camera di commercio un domicilio digitale che sarà reso disponibile tramite il Cassetto digitale dell’imprenditore all’indirizzo impresa.italia.it

Qui puoi approfondire

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate