Notizie

Notizia

On line il bollettino Excelsior sul mercato del lavoro lucano di febbraio 2024

E’ un mercato del lavoro, quello lucano, che appare diviso in due metà: da un lato continuano ad essere molto ricercati gli “operai specializzati e conduttori impianti” (41% dei nuovi ingressi, a febbraio) e i profili generici (14%); dall’altro crescono i profili medio-alti, con il 18% destinato a dirigenti, specialisti e tecnici che si avvicina alla media nazionale (del 21%), i professionisti del commercio e dei servizi (17%) e gli impiegati (10%). E’ quanto rivela il bollettino mensile di Excelsior Informa, redatto da Anpal (Agenzia Nazionale per le politiche Attive del Lavoro) e dalle Camere di commercio su indicazione delle stesse aziende. Puoi scaricarlo in allegato.

A febbraio, in Basilicata, saranno programmate circa 2.620 nuove entrate nel mercato del lavoro: un dato abbastanza stabile rispetto allo stesso mese del 2023 (90 unità in più quest’anno), ma con un orizzonte a tre mesi che sembra confortante, con 610 assunzioni in più rispetto all’analogo trimestre dello scorso anno. Zoomando sulle previsioni di febbraio, si scorge che nel 18% dei casi le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nell'82% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita); si concentreranno per il 59% nel settore dei servizi e per il 75% nelle imprese con meno di 50 dipendenti; ; per il 26% interesseranno giovani con meno di 30 anni; per una quota pari al 17% le imprese prevedono di assumere personale immigrato.

Altri dati significativi: il 13% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato; le tre figure professionali più richieste concentreranno il 58% delle entrate complessive previste; per una quota pari al 74% delle entrate viene richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore; le imprese che prevedono assunzioni saranno pari al 13% del totale.

Stabile, infine, la quota di introvabili: in 49 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati.

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

On line la newsletter di febbraio di EEN - Enterprise Europe Network

In Primo Piano nel nuovo numero: EENergy Open Call, il bando che permette alle PMI di tutta Europa di richiedere un contributo massimo di 10.000€ con finanziamento al 100% per investimenti finalizzati all'efficientamento energetico (ad esempio tramite l'acquisto, la sostituzione e la messa in opera di apparecchi più efficienti o per la generazione di energia verde).

In più, notizie su Bandi, eventi e webinar per le PMI. Scarica la newsletter (in allegato) per saperne di più

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

La Cciaa a Cipro per un progetto Ue: limare il divario di competenze sul mercato del lavoro

Molti studi internazionali confermano una eccessiva distanza tra domanda e offerta sul mercato del lavoro a causa delle competenze: troppe persone non riescono a trovare occupazione perché non hanno le competenze adeguate e il 40% dei datori di lavoro – anche in Basilicata, come emerge dal rapporto Excelsior - non riesce a trovare i profili desiderati. Un paradosso a cui si cerca di dare risposta anche attraverso sperimentazioni e progetti europei come MORAL, che mira a supportare i gruppi svantaggiati nell'ingresso nel mercato del lavoro attraverso lo sviluppo e la convalida delle competenze-chiave con l'ausilio di microcredenziali, che fungeranno da “passaporto per l'occupazione”.

Una delegazione della Camera di commercio della Basilicata è a Nicosia (Cipro) per partecipare al meeting inaugurale del progetto, un Erasmus+ Azione Chiave 2 che lavorerà per 36 mesi insieme ad una rete di attori internazionali: italiani (oltre alla Cciaa c’è anche Asnor, l’Associazione Nazionale Orientatori), spagnoli, greci e polacchi, coadiuvati da M.M.C. Management Center Limited di Cipro.

MORAL combinerà quattro diversi quadri di competenze – quelle per apprendere (descritte da LifeComp), quelle digitali e green di base (descritte da DigComp e GreenComp) e alcune tra le skill imprenditoriali (soprattutto quelle legati alla mentalità imprenditoriale, descritta da EntreCOMP) - e implementerà una ricerca sui datori di lavoro per identificare le competenze chiave necessarie per l’occupazione. Il progetto progetterà e svilupperà microcredenziali in relazione ai sistemi nazionali di qualificazione: un tema questo, su cui la Cciaa lucana sarà tra i pionieri assoluti in Italia.

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

E' online Mosaico Europa di Febbraio

In questo numero (scaricalo, è in allegato): 

Lotta al cambiamento climatico: cosa aspettarsi dall’UE | Paolo Baldan, Direttore del Programma Archipelago | Sicurezza economica: il piatto è ricco | Incontri europei C2C: conto alla rovescia!

La circolarità nell’Est dell’Unione | L’HGK non si (rifiut)a! | Cybersecurity Certification: l’UE risponde | ESABCC: un’analisi del percorso verso la neutralità climatica | Obiettivi di sviluppo sostenibile: rispettare l’agenda non sarà facile | Verso un’(AGRIP)coltura sempre più sostenibile

Horizon Europe: vincitori e vinti del 2023 | Buone nuove per i Fondi Strutturali |EsperienzEUROPA

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

On line il primo numero 2024 del magazine camerale "Unioncamere Economia & Imprese"

È disponibile il primo numero del 2024 del magazine delle Camere di commercio italiane “Unioncamere Economia & Imprese”, il giornale digitale con articoli e contenuti sulle attività di Unioncamere e delle Camere di commercio. 

L'articolo di apertura è dedicato al tema dell’intelligenza artificiale, che sta determinando rapidi cambiamenti in tanti ambiti e che va analizzato sotto vari punti di vista: sia da quello del suo impatto sulla protezione dei dati che da quello degli effetti che sta determinando sulle imprese, sulla loro struttura organizzativa e sulle nuove competenze che si rendono necessarie. Si tratta di un’importante sfida che il sistema camerale sta affrontando, riproponendosi di utilizzare le nuove tecnologie sia per rispondere alle crescenti esigenze di soluzioni più efficienti da parte delle imprese che per rafforzare il ruolo istituzionale delle Camere di commercio.

Far comprendere e cogliere le opportunità dell’intelligenza artificiale alle imprese di piccola e piccolissima dimensione è una priorità per il network dei Punto Impresa Digitale, che hanno avviato un ampio programma di iniziative per esplorare come l’IA possa essere utilizzata per potenziare le strategie aziendali e promuovere l’innovazione nel business. A cominciare dalla formazione: ne sono alcuni esempi la PID Academy con un canale tematico sull’intelligenza artificiale e i PID Lab, dove è possibile testare soluzioni di IA.

Si parla poi dello Sportello digitale unico europeo, una delle iniziative più ambiziose dell’UE in materia di eGovernment per la digitalizzazione dell’amministrazione pubblica, considerata un fattore essenziale per sostenere la competitività e la mobilità delle imprese dei Paesi dell’Unione. Su questo fronte Unioncamere è impegnata attraverso il portale www.impresainungiorno.gov.it, Punto Singolo di Contatto nazionale (PSC).

A seguire, l’iniziativa del sistema camerale a Venezia che ha visto l’impegno congiunto delle Forze dell’ordine, mondo universitario, del giornalismo, cultura, associazioni e imprese sul tema della legalità declinato nei diversi ambiti: economico, ambientale, istituzionale e sociale.

Nel nuovo numero si parla anche del Registro imprese europeo, che consente di informazioni aggiornate su oltre 20 milioni di imprese europee iscritte ai Registri dei Paesi aderenti al network EBRA (European Business Registry Association). Altro argomento trattato sono i numeri in costante ascesa dei SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) delle Camere di commercio: oltre 1,1 milioni le pratiche digitali gestite attraverso il portale Impresa in un giorno. Si allarga anche la platea dei Comuni aderenti.

E molto altro ancora… Buona lettura!

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Excelsior, i dati del lavoro 2023 in Basilicata

Il sistema Excelsior, strumento di indagine sui fabbisogni aziendali creato da Anpal e dal sistema camerale, ha reso noti i dati relativi al mercato del lavoro lucano nel 2023. Ecco in allegato il Bollettino e le Tavole, che possono rivelarsi preziosi strumenti di riflessione e di programmazione da offrire ai decisori politici e agli attori che si occupano di orientamento, formazione e lavoro 

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Apertura del Portale CTU, per periti ed esperti nazionali

Il Ministero della Giustizia - tramite Unioncamere - comunica  l’avvenuta apertura del Portale CTU, periti ed esperti nazionali, a cui devono iscriversi i professionisti già iscritti ad un albo dei “consulenti tecnici d’ufficio” (CTU) o ad un albo dei periti. Dal 4 gennaio 2024 al 4 marzo 2024 i CTU e i Periti già iscritti negli albi cartacei circoscrizionali di un Tribunale devono rinnovare l’iscrizione online presso quel Tribunale senza necessità di effettuare un nuovo pagamento del bollo e della tassa di concessione governativa.

Se il professionista vuole iscriversi presso un Tribunale diverso da quello originariamente scelto, invece, dovrà fare una nuova iscrizione.

Per ciò che riguarda, invece, le nuove iscrizioni, solo per i CTU, ogni anno, sono previste due finestre temporali : dal 1 marzo al 30 aprile e dal 1 settembre al 31 ottobre; per  le nuove iscrizioni dei Periti non sono previste specifiche finestre temporali.

Il 4 marzo 2024 cesseranno la validità e l’utilizzo degli albi cartacei e gli iscritti che non avranno confermato la propria iscrizione non potranno più beneficiare dell''inserimento gratuito nell'elenco nazionale, ma dovranno presentare, sempre tramite il portale nazionale, una domanda di nuova iscrizione, pagando il relativo bollo e tassa di concessione governativa. 

Il percorso da seguire è “Portale Servizi Telematici” / “Servizi” / Portale albo CTU, periti ed elenco nazionale” / “Accedi”, accessibile DA QUI

Per ulteriori chiarimenti e per richieste di assistenza in merito alle modalità di iscrizione all'elenco nazionale, consultare la pagina dedicata del Ministero della Giustizia, e per maggiori informazioni sull’iscrizione all’Albo dei Consulenti Tecnici di Ufficio e all’Albo dei Periti è necessario contattare il Tribunale di riferimento.

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

2.870 nuovi ingressi nel mercato del lavoro lucano a gennaio

Le imprese lucane prevedono di assumere 2.870 persone a gennaio: 60 in meno rispetto allo stesso mese 2023, ma con una proiezione che diventa positiva (+150 unità) se ci si spinge a considerare il primo trimestre del nuovo anno. E’ quanto rivela il nuovo bollettino mensile di Excelsior Informa, redatto da Anpal (Agenzia Nazionale per le politiche Attive del Lavoro) e dalle Camere di commercio su indicazione delle stesse aziende.

Nello specifico, le entrate previste a gennaio saranno stabili nel 20% dei casi, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nell'80% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita); si concentreranno per il 60% nel settore dei servizi e per il 71% nelle imprese con meno di 50 dipendenti; il 19% sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici, il 16% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato. Per una quota pari al 27%, inoltre, interesseranno giovani con meno di 30 anni e per il 17% interesseranno personale immigrato. Sale la quota di introvabili: in 49 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati.

Operai specializzati e conduttori di impianti continuano ad essere i profili più ricercati (43%) e il diploma di scuola superiore è il maggior lasciapassare per il mercato del lavoro lucano (37%), seguito da qualifica o diploma professionale (28%). Per tipologia di settore, infine, l’edilizia continua a guidare la classifica dei comparti più ricettivi (520 nuove assunzioni) seguito dai servizi alle persone (440)

 

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Nuovo servizio per l'iscrizione al ruolo dei conducenti non di linea

E' in linea il nuovo servizio per l'iscrizione al ruolo dei conducenti di veicoli o natanti adibiti ad autoservizi pubblici non di linea della Camera di Commercio di Basilicata. Al Ruolo Conducenti di veicoli non di linea è tenuto ad iscriversi chi intende esercitare l’attività di tassista oppure di noleggiatore con autovetture, natanti, moto carrozzelle e veicoli a trazione animale (Legge 15 gennaio 1992 n.21; Legge Regionale della Basilicata n.28/96 Legge Regionale della Basilicata del 7/2006)

L'iscrizione al Ruolo conducenti da oggi può avvenire: 

  • online, tramite l'apposito servizio raggiungibile DA QUI seguendo la procedura guidata di compilazione. L'accesso è possibile mediante SPID, CIE o CNS e il pagamento dei diritti di segreteria e dell'imposta di bollo avviene in modalità totalmente online attraverso la piattaforma pagoPA.
  • con le consuete modalità, mediante la compilazione del modello di istanza, l'allegazione della relativa documentazione e la trasmissione, ovvero il deposito presso gli sportelli camerali, seguendo le indicazioni riportate nella pagina dedicata del sito camerale, raggiungibile DA QUI

Per qualsiasi informazione è possibile consultare l'Ufficio Registro Imprese, Albi e Ruoli Camerali a mezzo mail scrivendo a registro.imprese@basilicata.camcom.it o chiamando lo 0971412333

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Linee guida per la riduzione di emissioni di microplastiche nelle attività di produzione e distribuzione di prodotti alimentari

UNICA DESK informa: pubblicata la nuova Prassi di riferimento UNI/PdR 158 “Linee guida per la riduzione di emissioni di microplastiche nelle attività di produzione e distribuzione di prodotti alimentari”. La presenza delle microplastiche negli alimenti è uno dei problemi che le aziende del settore, nei loro processi di produzione e distribuzione, devono affrontare: un’emissione involontaria, fonte tuttavia di grandi preoccupazioni, considerata la massiccia presenza nell’ambiente ma anche nell’organismo umano di queste sostanze, dovuta alla loro pervasività e, di conseguenza, all’inevitabile ingerimento. La prassi di riferimento è un documento utile a tutti i soggetti che operano nella filiera agroalimentare ma soprattutto unico nel suo genere, data l’assenza di normative simili in materia, e si rivolge  agli operatori logistici, alle aziende alimentari, ai distributori della filiera alimentare, alle imprese della GDO e della ristorazione collettiva. 

La UNI/PdR 158 è scaricabile gratuitamente dal sito UNI.

Per informazioni: UNICA DESK, il tuo accesso privilegiato alle norme UNI

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

32^ edizione del Premio Ercole Olivario - scadenza iscrizioni 17 gennaio

Affermatosi ormai da tempo come punto di riferimento essenziale per gli operatori del settore olivicolo, il concorso nazionale Ercole Olivario è organizzato da Unioncamere Nazionale, Camera di Commercio dell’Umbria, Sviluppo e Territorio – Azienda Speciale della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma per lo sviluppo e la crescita di Roma e della regione Lazio; ICE – Agenzia per la Promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane; Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste; Ministero dello Sviluppo Economico; Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) – Centro di Ricerca Ingegneria e Trasformazioni agroalimentari (IT) Sede di Pescara; Italia Olivicola ed Unaprol.

Due le novità di questa edizione dell’Ercole Olivario. La prima è il fiorire in molte regioni italiane di concorsi regionali che faranno da selezione propedeutica all’accesso al concorso nazionale. Il Comitato di Coordinamento dell’Ercole Olivario si è infatti fatto promotore della messa in rete di concorsi regionali già esistenti, come ad esempio l’Oro Verde dell’Umbria, il Premio Roma Evo per il Lazio ed altri appositamente indetti come il Concorso Thesaurus Marche ed a breve un nuovo premio rivolto alle aziende della Sicilia. Infine sono state strette delle collaborazioni con le organizzazioni di altri premi per la preselezione dei finalisti al Concorso nazionale, unitamente alla storica collaborazione con il CREA IT di Pescara. La seconda novità è l’importante lavoro che si sta portando avanti per la promozione della figura dell’assaggiatore italiano, da considerare come professionista in grado di far conoscere la qualità dell’olio nazionale presso operatori e consumatori, sia in Italia che all’estero.  Con tale obiettivo, da questa edizione dell’Ercole Olivario, la giuria nazionale sarà composta da un panel di assaggio scelto a rotazione, tra i 60 partecipanti al percorso di formazione ed aggiornamento previsto dal nuovo progetto messo in essere dal concorso e che prevede la creazione di un gruppo di esperti assaggiatori, iscritto nell’elenco degli assaggiatori degli oli di oliva provenienti da tutte le regioni italiane, che partecipino al percorso formativo/informativo volto a trasmettere loro le competenze e le professionalità necessarie, non solo per valutare gli oli dell’Ercole Olivario con gli standard richiesti dal Concorso, ma anche per accompagnarli e assisterli nell’attività di promozione della qualità dell’olio italiano a livello nazionale ed internazionale.

Il concorso Ercole Olivario – che poggia la propria indiscussa reputazione sulle caratteristiche di estremo rigore e serietà garantite in tutte le fasi procedurali, dal prelievo in azienda alla presenza del notaio in ciascuna delle operazioni di selezione nazionale – è infatti orientato al perseguimento di tre obiettivi fondamentali che includono la valorizzazione degli oli extravergini di oliva italiani certificati (dop, igp e biologici) e gli oli extravergini di oliva italiani provenienti da diversi ambiti territoriali, il sostegno agli operatori del settore che investono nel miglioramento della qualità del prodotto tramite azioni e iniziative capaci di supportarli nel mercato globale e nella competizione commerciale, e la promozione della figura dell’assaggiatore italiano, come sopra descritta.

Modalità di partecipazione a Ercole Olivario 2024

L’iscrizione al concorso è possibile fino al 17 gennaio 2024 ed è riservata ai produttori di olio extra vergine d’oliva di qualità italiano, ottenuto dalla molitura effettuata nella campagna olivicola in corso, che potranno essere ammessi con un solo olio per ciascuna delle due categorie in gara: Oli a denominazione d’origine, già riconosciute in ambito comunitario (DOP ed IGP) ed Oli extra vergini di oliva, la cui territorialità è attestata dal partecipante con autodichiarazione.

Per partecipare è possibile iscriversi attraverso il sito di Ercole Olivario nella sezione Edizione 2024 – https://ercoleolivario.it/iscrizioni/,  che consentirà di inviare la domanda in tempo reale o in alternativa inviando la domanda di partecipazione a ercoleolivario@umbria.camcom.it (Regolamento completo sul sito www.ercoleolivario.it ).

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate

Notizia

Excelsior: dicembre in crescendo nel mercato del lavoro lucano

In Basilicata a dicembre sono state programmate 2.110 nuove assunzioni: un dato che segna un + 260 rispetto all’analogo mese del 2022 e che sembra confortante anche alla luce della proiezione a febbraio 2024, che fa registrare un +470 rispetto all’analogo trimestre dell’anno scorso. E’ quanto rivela il nuovo bollettino mensile di Excelsior Informa, redatto da Anpal (Agenzia Nazionale per le politiche Attive del Lavoro) e dalle Camere di commercio su indicazione delle stesse aziende.

Nel 23% dei casi, le entrate previste a dicembre saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel 77% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita); si concentreranno per il 71% nel settore dei servizi e per il 73% nelle imprese con meno di 50 dipendenti; il 14% sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici, e per una quota pari al 28% interesseranno giovani con meno di 30 anni. Il 10% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato, mentre per un 13% le imprese prevedono di assumere personale immigrato. In 47 casi su 100, infine, le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati.

In base al profilo, sono cresciute le professioni legate a servizi commerciali e dei servizi (che assorbono il 35% delle nuove entrate), mentre il 30% è appannaggio di operai specializzati e conduttori di impianti.

In funzione del settore, a dicembre i nuovi ingressi sono soprattutto in servizi di alloggio e ristorazione e servizi turistici (500), commercio (330), costruzioni (280) e servizi alle persone (260).

Notizie correlate

Non ci sono notizie correlate